USPAAA


L'Associazione Unità di Salvaguardia del Patrimonio Archeologico, Architettonico ed Artistico della Franciacorta e del Sebino bresciano, in sigla U.S.P.A.A.A., si è costituita nell'aprile del 1989 e rappresenta ormai una realtà consolidata ed inserita a pieno titolo nel novero dei gruppi organizzati che si occupano della conoscenza, della conservazione e della valorizzazione del patrimonio storico-culturale della nostra zona.

Il territorio preso in considerazione è la Franciacorta ed il Sebino bresciano, un comprensorio omogeneo pur nelle sue tre componenti morfologiche: la montagna, la collina ed il lago, con una sua storia , con proprie tradizioni ed un patrimonio culturale, in senso lato, di primissima importanza.

Il secondo aspetto da sottolineare nell'impegno dell'Associazione è quello di essere un gruppo non indirizzato solamente a documentare le componenti storico-archeologiche del territorio, prima che, molto spesso, vengano alterate o distrutte per sempre, ma un'organizzazione che desidera contribuire, attraverso la conoscenza e l'informazione, alla loro salvaguardia e valorizzazione coerente alla natura del manufatto.

Il terzo riferimento riguarda i poli attorno a cui ruota l'attività dell'USPAAA: archeologia, architettura, arte. Anche se l'indirizzo e la specializzazione del gruppo è rivolta soprattutto alla ricerca archeologica, non è possibile scindere i tre settori in compartimenti stagni. Così come è bene rappresentato dal "logo" riportato nel pieghevole di iscrizione spesso la motivazione per iniziare uno studio è data da una emergenza visibile, fuori terra, l'analisi della quale può essere approfondita solo attraverso un'indagine archeologica. Se inoltre l'emergenza architettonica visibile presenta intonaci storici con particolari decorativi o affreschi, si comprende come le tre discipline, archeologica, architettura ed arte siano intimamente correlate.

Gli obiettivi che l'Associazione persegue sono molteplici e possono essere precisati nei seguenti otto punti:

1.      raccolta e catalogazione di tutte le notizie ed informazioni relative ai ritrovamenti archeologici verificati sul territorio negli anni passati, per i quali la documentazione è dispersa o sconosciuta;

2.      individuazione delle zone a rischio archeologico, a partire dall'analisi dei ritrovamenti archeologici avvenuti, dalle emergenze visibili e dagli approfondimenti storico-archivistici. In queste aree l'intervento dovrà avvenire con cautela e solo dopo aver documentato l'eventuale presenza di reperti;

3.      promozione, con la direzione scientifica della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia ed in collaborazione con le realtà amministrative e private locali, di scavi archeologici di sondaggio e in estensione;

4.      recapito stabile e disponibilità di operatori per l'esecuzione di pronto intervento, su segnalazione da parte della Soprintendenza competente, in caso di ritrovamenti occasionali e fortuiti;

5.      promozione di interventi volti alla tutela e valorizzazione dei beni archeologici, architettonici ed artistici;

6.      redazione d un quadro complessivo del patrimonio storico-culturale della Franciacorta e Sebino bresciano, della sua evoluzione storica, al fine di predisporre materiali didattici per le istituzioni scolastiche ed itinerari mirati;

7.      promozione di pubblicazioni che riportino le relazioni e la documentazione degli interventi effettuati ed altro materiale riguardante la storia della Franciacorta e del Sebino;


Sede istituzionale

presso la Società Operaia di Mutuo Soccorso, viale Repubblica n. 3, 25049 Iseo.

Sede operativa

presso il Castello Oldofredi di Iseo, via Rampa Cappuccini.

Recapiti telefonici:

Sede: 030-981371

Angelo Valsecchi, presidente - 030-9847171

Sergio Alebardi, segretario - 030-980458

Fulvio Sina, conservatore - 030-9839116

L'Associazione U.S.P.A.A.A. :

Þ  costituita con atto del notaio Bonardi il 17-04-1989 n. 40.963 rep. gen. not. e n. 18.647 di raccolta, ha sede in Iseo, in viale Repubblica n. 3, C.F. 98031450178;

Þ è iscritta al Registro Generale Regionale del Volontariato ai sensi della L.R. 24-07-93 n. 22 al Foglio n. 411 - progressivo n. 1639 - sezione c) culturale, come da Decreto n. 67692 del 9-12-1994 del Presidente della Giunta Regionale ed in quanto tale equiparata a tutti gli effetti ad una organizzazione O.N.L.U.S.